28 Ott

La «disclosure» vince nei Paesi Ocse

L’Ocse ha scelto la voluntary disclosure per cercare di far emergere i capitali nascosti all’estero. Già nel 2010, infatti, l’organizzazione riconosceva positivamente e, anzi, incoraggiava gli Stati membri a introdurre politiche di voluntary disclosure come strumento per raccogliere capitali e ridurre le spese di verifica e contrasto all’evasione. E ora anche l’Italia si preparara a seguire questa strada.
Il progressivo aumento dello scambio di informazioni tra Paesi e il venir meno del segreto bancario in molte piazze finanziarie tradizionalmente considerate “protezioniste” dovrebbero, secondo l’Ocse, funzionare come importante incentivo ad aderire anche per gli evasori più convinti.

I programmi già avviati
Numerosi sono stati i Governi delle economie più avanzate che già nel passato hanno attivato programmi di voluntary disclosure. Assecondando le linee guida dettate dall’Ocse nel 2010, la grande maggioranza dei programmi prevede il pagamento in misura piena delle imposte dovute per gli anni ancora accertabili, oltre agli interessi maturati.
Ci sono però alcuni Paesi che fanno eccezione, come il Regno Unito, dove l’ammontare delle imposte dovute è calcolato in modo diverso a seconda del Paese di origine dei capitali (in modo forfettario, ad esempio, se i capitali erano detenuti nel Liechtenstein); e come il Belgio, dove il contribuente che si avvale della voluntary disclosure può pagare una tantum per evitare conseguenze penali, calcolata in misura forfettaria del 35% dei capitali detenuti all’estero e non dichiarati.

Meno sanzioni
Per incentivare l’adesione ai programmi, è sempre prevista la riduzione delle sanzioni amministrative

applicabili.
Negli Stati Uniti, ad esempio, al contribuente che “autodenuncia” i conti correnti detenuti illegalmente all’estero si applicano sanzioni ridotte al 20% (mentre la penalità ordinariamente applicabile consiste nel valore maggiore tra il 50% delle imposte e 100mila dollari)….

 

di Carlotta Benigni – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/KnkOS

Lascia un commento