25 Gen

Appello per il rientro dei capitali

Via libera alla voluntary disclosure. Ma, almeno per ora, resta in stand-by l’introduzione nel Codice penale del reato di autoriciclaggio. E c’è un rinvio sulla Tasi. Il Consiglio dei ministri di ieri ha approvato il decreto legge sul rientro dei capitali, ma rinviando al pacchetto anticriminalità – preannunciato dal premier Enrico Letta – la norma che nello schema di Dl punirebbe per riciclaggio anche l’evasore fiscale, assieme ai suoi consulenti e ai suoi intermediari per illeciti commessi successivamente al 31 luglio 2014.

Dalla versione finale del decreto è saltata anche la possibilità per i Comuni di aumentare fino a un massimo dello 0,8 per mille le aliquote della Tasi, a patto però di destinare i maggiori incassi provenienti dalla tassazione sulla casa «esclusivamente» alle detrazioni per le abitazioni principali. Anche in questo caso, la partita è stata rinviata fino a quando il Governo (che incontrerà l’Anci martedì prossimo) avrà recuperato il miliardo aggiuntivo chiesto dai sindaci per la loro agibilità finanziaria […]

 

di Alessandro Galimberti e Marco Mobili – Il Sole 24 Ore

leggi su http://24o.it/h34EL

Lascia un commento