30 Gen

Arriva la “voluntary disclosure” per regolarizzare i capitali all’estero

La procedura è attivata su richiesta del contribuente che può presentare l’istanza (e non più di una), direttamente o per interposta persona, non oltre il 30 settembre 2015

Riduzione delle sanzioni fino alla metà del minimo edittale per omessa o infedele presentazione del modulo RW nonché copertura penale per i reati di infedele e omessa presentazione della dichiarazione e riduzione fino alla metà della pena prevista per i delitti di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e o di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici.
Questi gli aspetti di maggior rilievo del decreto legge n. 4 del 28 gennaio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, contenente novità in materia fiscale, la più rilevante delle quali riguarda l’introduzione nel nostro ordinamento della procedura nota come “voluntary disclosure” (articolo 1), finalizzata a consentire l’emersione dei capitali e degli investimenti non dichiarati detenuti all’estero e il loro eventuale rientro in Italia.
La norma aggiunge nuove disposizioni al Dl 167/1990, inserendo gli articoli dal 5-quater al 5-septies, di cui di seguito si forniscono i tratti salienti[…]

 

di Emiliano Marvulli – Fisco Oggi

Leggi su: http://www.fiscooggi.it/normativa-e-prassi/articolo/arriva-voluntary-disclosure-regolarizzare-capitali-all-estero

Lascia un commento