31 Gen

Perché tanti pregiudizi sulla voluntary disclosure?

La voluntary disclosure non è un condono né uno scudo fiscale: mette in chiaro le cose con il fisco

Il messaggio che emerge in questi giorni leggendo la stampa nazionale è che la cosiddetta voluntary disclosure sia una forma di condono, che consente a chi ha detenuto irregolarmente capitali all’estero di sistemare la propria posizione con il fisco pagando una sanzione pari a circa il 12% del capitale, cinque punti in più di quanto previsto dall’ultimo scudo fiscale (7% per le ultime adesioni). Non è così. La voluntary disclosure, così come prospettata dal disegno di legge licenziato dal Consiglio dei Ministri del 24 gennaio 2014, prevede un trattamento premiale per chi si autodenuncia al fisco, mettendo in chiaro la propria posizione e accettando di pagare le imposte evase, con le relative sanzioni e interessi […]
di Massimo Caldara – Linkiesta

Lascia un commento