21 Feb

La stretta decisa dall’Ocse supera il modello bilaterale

IL QUADRO MULTILATERALE – Identificazione prevista per tutti i residenti esteri che aprono un conto a prescindere dalla cifra Segnalazioni «rafforzate»

Il Common reporting standard (Crs), lo standard globale per lo scambio automatico dei dati per il contrasto all’evasione internazionale, pubblicato dall’Ocse il 13 febbraio scorso, fa leva sulla piattaforma normativa del Foreign Account Tax Compliance Act (Fatca) Usa, ma è ancora più gravoso rispetto al modello statunitense. Lo standard Ocse impone a tutti i clienti di banche e degli altri intermediari finanziari coinvolti (compagnie assicurative vita, Sim ed Sgr) di autocertificare la propria residenza fiscale, mentre il sistema Usa lascia l’opzione a questi ultimi di ricavare i dati dalla documentazione fornita per aprire il conto. E, per fare […]

 

di Marco Bellinazzo e Davide Rotondo – Il Sole 24 Ore

leggi su: http://www.banchedati.ilsole24ore.com/doc.get?uid=sole-SS20140221028BAA

Lascia un commento