01 Feb

«L’emersione volontaria non basta»

«Il meccanismo dell’autodenuncia fiscale è una parte del discorso, ma non può bastare. Ci vuole anche l’accordo Italia-Svizzera». Alfredo Gysi, presidente del cda della banca ticinese Bsi e dell’Associazione banche estere in Svizzera, è una figura di primo piano che segue da vicino i negoziati e ha partecipato in questi giorni a Berna al dibattito del Forum per il dialogo tra Svizzera e Italia, in cui uno dei filoni era quello fiscale.

Perché dice che l’autodenuncia varata dal Governo italiano non basta sul versante dei capitali non dichiarati?
Il Governo italiano si pone l’obiettivo legittimo di far emergere patrimoni non dichiarati ed è interesse anche delle banche svizzere che si vada verso una conformità fiscale. Attendiamo anche l’iter parlamentare del provvedimento. Diciamo comunque già ora che è interesse di tutti che il meccanismo sia il più possibile chiaro e semplificato. La misura non deve essere discriminatoria nei confronti della Svizzera. È un problema che si collega anche alle liste nere italiane: essendovi la Svizzera ancora tenuta, si rischia una penalizzazione per le banche elvetiche e i loro clienti che non esiste per altre piazze finanziarie. È una cosa non giusta, che rischia anche di danneggiare l’efficacia del meccanismo dell’autodenuncia[…]

 

di Lino Terlizzi – Il Sole 24 Ore

leggi su: http://24o.it/pmFJG

Lascia un commento