05 Feb

Voluntary senza sconto

Nessuna fase «no name» nelle procedure di voluntary disclosure («l’Agenzia non fa preventivi»), no alla forfetizzazione dei conti leggeri, approccio «sostanziale e non formalistico» sui doveri di monitoraggio del quadro RW. In un affollato incontro in trasferta – teatro il salone dei Congressi di Lugano, ospite del Centro studi dell’associazione bancaria ticinese – il capo dell’Ucifi, Antonio Martino, ha fornito chiarimenti a ripetizione alla platea di intermediari, bancari, fiduciari e investitori della piazza italofona. «Su procure e deleghe – ha detto Martino, confermando tra l’altro le anticipazioni (si veda Il Sole 24 Ore di ieri) sulla fase di consultazione pubblica dei modelli dichiarativi – terremo un approccio legato alla sostanza dei fatti. Se le deleghe di emergenza dei figli sul patrimonio del padre non sono state esercitate, per noi significa che i figli non hanno l’obbligo di RW. Ma deve risultare chiaro, tutto ciò, dalla documentazione prodotta in sede di voluntary». […]

 

di Alessandro Galimberti – Il Sole 24 Ore

Leggi su: http://24o.it/7uZH4

One thought on “Voluntary senza sconto

Lascia un commento