06 Mar

Evasori e rientro dei capitali dall’estero: i motivi di un flop

Il decreto che prevede la “voluntary disclosure” potrebbe decadere: non piace a professionisti, operatori e nemmeno ai deputati che devono ratificarlo.

Collaborare volontariamente con il Fisco? Neanche per sogno. Essere pessimisti fa male e non si vuole esserlo a tutti i costi, però il Decreto Legge 4 del 2014 rischia di sparire: si tratta del testo che disciplina l’emersione e il rientro di capitali detenuti all’estero, una misura su cui l’Agenzia delle Entrate faceva grande affidamento. Per il momento non è chiaro il motivo, si potrebbe trattare di una mole eccessiva di lavori parlamentari o della volontà di riscrivere da capo la legge, ma la decadenza è sempre più vicina.

I prossimi giorni saranno decisivi in questo senso e sarà il Ministero dell’Economia a decidere se far decadere o meno il tutto. il decreto in questione deve ancora essere convertito ed è rimasto oltre un mese presso la Commissione Finanze della Camera. La procedura della cosiddetta “voluntary disclosure” promette molto, ma non piace a tutti. In particolare, i professionisti e i vari operatori sono convinti che le misure in questione siano troppo deboli per essere davvero efficaci. […]

 

Di Simone Ricci – Il Journal

Leggi su: http://www.iljournal.it/2014/evasori-e-rientro-dei-capitali-dallestero-i-motivi-di-un-flop/565337

Lascia un commento