05 Mar

Il trust estero obbliga sempre al quadro RW

IL PROBLEMA – Per i beneficiari residenti compilazione anche se non si è titolari effettivi Necessario integrare le istruzioni del prospetto

Con provvedimento del direttore delle Entrate del 31 gennaio 2014 (Protocollo n. 2014/13940) è stato approvato il nuovo quadro RW del modello Unico 2014-PF, i cui contenuti sono stati in parte rivisti per tenere conto delle modifiche apportate dalla legge Europea 2013 alla disciplina del monitoraggio fiscale. La circolare dell’agenzia delle Entrate n. 38/E/2013, ha precisato che l’obbligo di compilazione del quadro RW sussiste per:
– i beneficiari residenti in Italia che risultano “titolari effettivi” del trust. In tale circostanza, indipendentemente dalla residenza del trust (e dunque a prescindere che si tratti di trust italiano o estero, white list o black list), il beneficiario è tenuto a dichiarare, secondo un approccio look through, il valore complessivo di investimenti e attività estere di natura finanziaria intestati […]

 

di Il Sole 24 Ore

Leggi su: http://www.banchedati.ilsole24ore.com/doc.get?uid=sole-SS20140305020DAA

Lascia un commento