25 Apr

Banche svizzere, appello all’autodenuncia

Tappeto rosso per uscire dalla banca. Da quella stessa banca che, anni orsono, stendeva il tappeto rosso alla porta d’entrata. Qualche cliente lo ha appreso per lettera; tanti verbalmente, dal proprio consulente: «O fate l’autodenuncia fiscale a casa vostra, oppure vi chiudiamo il conto e vi facciamo spedire l’assegno a casa». Si parte con la moral suasion. Poi qualcuno aggiunge: «Altrimenti facciamo una segnalazione antiriciclaggio». Con i clienti americani e tedeschi ha funzionato: complessivamente quasi 50mila autodenunce a Washington, oltre 13mila a Berlino solo nel primo trimestre di quest’anno. Con gli italiani, invece, in attesa della legge sull’autodenuncia fiscale, la confusione è totale.
Qualche fiduciaria torna a offrire “conti piscina”, che saranno immancabilmente scoperti. Qualche assicurazione continua a offrire polizze vita “alla brianzola”, malgrado che anche queste stiano finendo nel tritacarne del fisco Usa. E le agenzie viaggio prosperano: per Dubai, Israele, le Seychelles e simili […]

 

di Paolo Bernasconi – Il Sole 24 Ore

Leggi su: http://www.quotidianofisco.ilsole24ore.com/art/accertamento-e-contenzioso/2014-04-24/le-vbanche-svizzere-ostacolano-inutilmente-prelievo-contanti-200723.php?uuid=ABgdXYDB

Lascia un commento