09 Mag

Paradisi fiscali «accerchiati»: 63 paesi verso l’adesione allo scambio automatico dei dati Ocse

L’accerchiamento alle forme di evasione fiscale internazionale stanno rendendo le procedure di voluntary disclosure sempre meno opzionali. Il “combinato […]

 

di Marco Bellinazzo e Davide Rotondo – Il SOle 24 Ore

Leggi su: http://www.quotidianofisco.ilsole24ore.com/art/accertamento-e-contenzioso/2014-05-08/paradisi-fiscali-accerchiati-63-paesi-l-adesione-scambio-automatico-dati-ocse–201715.php?uuid=ABfJlpGB

2 thoughts on “Paradisi fiscali «accerchiati»: 63 paesi verso l’adesione allo scambio automatico dei dati Ocse

  1. Argentina, Cipro, Francia, Germania, Isole del Canale, BVI, Portogallo, UK, Spagna, Arabia Saudita, Australia, Austria, Brasile, Canada, Cina, Cile, Corea, Costarica, Giappone, Israele, Lussemburgo, Nuova Zelanda, USA, Svizzera, Turchia, tra i principali Paesi che scambieranno dati (saldi, ricavi lordi, interessi e dividendi liquidati).

  2. … dal 1/7/2014 partono i primi obblighi di identificazione della clientela con residenza fiscale USA.
    E ben sappiamo come sia semplice essere considerati USA fiscal resident.
    Appartamenti negli USA, c/c americani, società USA, ecc..
    L’accordo è bilaterale, quindi informazioni dall’Italia verso gli USA e dagli USA verso l’Italia.

Lascia un commento