06 Mag

La Svizzera dice addio al segreto bancario: stretta sull’evasione

La Svizzera, insieme ad altri Paesi Ocse, ha firmato l’accordo per lo scambio automatico di informazioni in materia fiscale, presupposto per mettere fine al segreto bancario

La Svizzera, insieme ad altri Paesi Ocse, ha firmato l’accordo per lo scambio automatico di informazioni in materia fiscale, presupposto per mettere fine al segreto bancario. “Il segreto bancario ai fini fiscali sta arrivando al termine dal momento che i Paesi e i principali centri finanziaria si sono impegnati allo scambio automatico di informazioni tra le varie giurisdizioni”.

In altre parole, si dà l’addio al segreto bancario e si stringe il cerchio intorno agli evasori che avevano fatto della federazione elvetica il loro paradiso fiscale nella vecchia Europa.
Una mossa in qualche modo attesa, ma non per questo meno epocale: la Svizzera stava lavorando da tempo, portando avanti trattative sia con i singoli Paesi, a cominciare dall’Italia, che a livello internazionale. Per questo il criterio essenziale per aderire è quello della reciprocità e della ricerca di “soluzioni adeguate” per gli asset fino ad oggi non soggetti a tassazione.

L’intesa, siglata a Parigi in occasione dell’ interministeriale Ocse, riguarda tutti i 34 Paesi aderenti all’organizzazione, ma anche Stati non membri, fra cui Singapore, Cina, Brasile e Costa Rica. Altri, come Panama e Dubai, potrebbero seguire nei prossimi mesi, almeno per evitare di finire nella lista nera che l’Ocse si appresta a stilare entro la fine dell’anno e che comporterà anche sanzioni da parte del G20. […]

 

di Il Restro del Carlino

Leggi su: http://qn.quotidiano.net/economia/2014/05/06/1061972-svizzera-segreto-bancario-addio-evasione.shtml

Lascia un commento