03 Set

Autoriciclaggio, nuova arma contro i reati fiscali

Pacchetto giustizia. L’impatto dell’intervento

GIRO DI VITE – L’impiego di somme frutto di evasione potrà portare a far scattare l’incriminazione

Autoriciclaggio per i corrotti. È una delle innovazioni che potrebbero essere utilizzate in chiave accessoria contro i reati finanziari, secondo la formula di cui all’articolo 4 del pacchetto giustizia appena varato dal Governo. Infatti, mentre in passato l’applicazione del 648 bis del Codice penale poteva riguardare solo colui che avesse intermediato nella circolazione del denaro proveniente da delitti (tra i quali anche la corruzione), ora il corrotto (o il concussore) che dovesse effettuare un’operazione finanziaria con il denaro ottenuto attraverso mazzette su appalti o lavori, verrebbero per ciò stesso condannati anche per riciclaggio, in forza del comma 2 del nuovo articolo 648 bis. Ad esempio, il corrotto e il concussore prendono una somma di denaro, commettendo evidentemente un reato, e la versano in banca; in vigenza della “vecchia” regola, non potevano essere puniti per riciclaggio […]

 

di Il sole 24 Ore

Leggi su: http://www.banchedati.ilsole24ore.com/doc.get?uid=sole-SS20140903032BAA

Lascia un commento